Al Pocognoni riprendono i viaggi di istruzione

.

L’IPSIA DI CAMERINO IN VIAGGIO A ROMA

Martedì 12 aprile, le classi quarte e quinte dell’IPSIA “G. Ercoli”, sede distaccata dell’IPSIA “Don E. Pocognoni” di Matelica, hanno partecipato a un viaggio d’istruzione a Roma; la visita prevedeva come prima tappa il Mausoleo delle Fosse Ardeatine. Gli studenti sono stati accolti da una guida appartenente all’ANFIM, l’associazione che raccoglie i familiari delle vittime dell’eccidioche gratuitamente si offrono di raccontare ciò che il 24 marzo del1944 successe ai loro cari. Il fatto che la guida fosse una donna che ha perso suo padre nella terribile strage ha reso la spiegazione davvero commovente e tutti gli studenti l’hanno ascoltata con grande attenzione e rispetto, hanno partecipato al dolore che traspirava dalle parole di quella che all’epoca era solo una bambina, ma che ha poi dedicato tutta la sua esistenza alla ricerca della verità e della giustizia.  La guida ha poi mostrato il luogo dell’eccidio e il grande sacrario che è stato costruito per commemorare i defuntiLe ultime parole con cui gli studenti sono stati congedati sono state forse le più importanti, perché la guida li ha invitati a ricordare, a raccontare quello che hanno visto, perché proprio come diceva Primo Levi “tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a ripeterlo”. 

Una volta terminata la visita alle Fosse Ardeatine, la gita è continuata al centro storico di Roma, dopo una passeggiata tra i Fori Imperiali, Campidoglio e Altare della Patria, gli studenti hanno potuto godere di un po’ di tempo libero, che hanno speso mangiando piatti tipici e facendo shopping. Al rientro di questa giornata la considerazione più rilevante da fare è che dopo due anni di pandemia i nostri ragazzi hanno davvero bisogndi tornare alla normalità; la scuola, soprattutto nella persona del Dirigente Scolastico, prof.ssa Lucia Di Paola, ha dato loro questa possibilità permettendo di trascorrere una giornata all’insegna della riflessione e dell’arricchimento culturale, come è giusto che sia in una visita d’istruzione, ma anche ritrovare la socialità dopo un lungo periodo di restrizioni.